Settimanale online Progetto Uomo
  • Home

FICT: 'L'inserimento del gioco d'azzardo patologico nei livelli essenziali di assistenza"

Luciano Squillaci, presidente FICT, afferma:" Finalmente un atto di concretezza verso il contrasto del gioco d'azzardo..."

Per leggere clicca qui

StampaEmail

FICT: 26 Giugno 2016 Giornata Internazionale di lotta alla droga indetta dalle Nazioni Unite

La Federazione Italiana Comunità Terapeutiche lancia lo slogan "No alla droga: educhiamo alla vita...per non rassegnarci! Facciamo crescere la nostra identità, la nostra vita e le nostre comunità senza droga!"

La FICT promuove a livello nazionale con i suoi 42 Centri federati dislocati su tutto il territorio una serie di eventi e iniziative in occasione di questa giornata.

Per leggere le iniziative dei Centri Federati clicca qui

StampaEmail

"Servizio Civile Nazionale e Garanzia Giovani: anche la FICT partecipa"

Nuova opportunità per quasi 3 mila giovani grazie al fondo Garanzia Giovani e al Servizio Civile Nazionale. Anche la FICT partecipa all'iniziativa con i suoi tre centri federati: Centro La Casa sulla Roccia di Avellino, il Centro Reggino di Solidarietà "Ce.Re.So.", e il Centro F.A.R.O. di Messina.

Il Dipartimento della Gioventù e del SCN della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato, nell’ambito del programma Garanzia Giovani (Youth Guarantee), 6 bandi di selezione, finalizzati al reclutamento di 2.938 volontari.La fascia di età ricompresa nella misura Servizio civile nazionale è quella consueta di partecipazione ai progetti di SCN, ossia fra i 18 e i 28 anni.

La domanda per partecipare ai progetti  potrà essere presentata entro la data riportata nei bandi stessi: 8 febbraio 2016 ore 14:00.

Vedi i progetti

StampaEmail

"Incontro con i Presidenti dei Centri FICT  per costruire insieme il futuro"

Confronto con Patrizia de Rose e Mons. Nunzio Galantino

La Federazione Italiana Comunità Terapeutiche organizza il 10 e 11 Maggio, a Roma, presso la sede dell'Unicef, via Palestro n. 68, un incontro con i Presidenti e operatori dei 40 Centri FICT per "costruire insieme il futuro". Un momento di confronto e condivisione per ragionare insieme su diversi temi.

La FICT è una tra le Reti più importanti in Italia che si occupa di dipendenze anche quelle comportamentali, quali il gioco d'azzardo. Sarà un'opportunità in cui tutte le realtà territoriali della FICT rifletteranno sulle dipendenze ma anche sulle povertà, sugli emarginati, sulle nuove emergenze che il territorio mette in luce.

StampaEmail

Convegno FICT: "Prevenzione nel nulla chimico... E se la chiamassimo educazione e promozione della connettività sociale?"

5 Novembre 2015, presso la Sala dell'Unicef, Via Palestro n. 68, Roma

Il Convegno  è organizzato dalla Rete Tematica "Interventi Educativi Territoriali" in collaborazione con l'Istituto Superiore Universitario di scienze psicopedagogiche e sociali "Progetto Uomo" affiliato all'Università Pontificia Salesiana di Roma

leggi 


in progettouomo.net

StampaEmail

“Don Franco nella storia della Chiesa”

“Il Patriarca, una settantina di sacerdoti da ogni parte d’Italia e tanti amici per l’addio al fondatore del Centro Don Milani ”

"...A prendere la parola per un commosso addio, don Egidio Smacchia di Civitavecchia: «La vita di don Franco è stata un anno giubilare lungo tutta la sua esistenza, pellegrino della misericordia in cammino per la vita. Lo so che nel paradiso non ci sono cose terrestri, ma mi piace vederti con un piatto di funghi, un buon bicchiere di vino, Gesù, Maria, i vecchi genitori, gli amici e tanti disagiati». Poi è stata la volta di don Mimmo Battaglia di Catanzaro, presidente della Federazione Italiana Comunità Terapeutiche: «Don Franco ci ha insegnato che per amare è necessario schiudersi agli altri, scacciare i fantasmi della paura e della diversità, ripeteva che è importante conoscere, scambiare, contaminarsi e donare, cambiare pelle al presente per farsi costruttore di strade aperte alla reciprocità, don Franco ci ha indicato la strada del farsi prossimo»...."

leggi 


in progettouomo.net

StampaEmail

"Luciano Squillaci è il nuovo Presidente della FICT"

Don Mimmo Battaglia, Presidente uscente della Federazione Italiana Comunità Terapeutiche e Presidente del Ceis di Catanzaro, dopo tre mandati, per statuto non rinnovabili, ha sostenuto ed incoraggiato l’elezione di Luciano Squillaci alla guida della Federazione.

I Presidenti di 41 Centri federati, dislocati in tutta Italia e che rappresentano oltre 600 servizi di accoglienza e di intervento sul territorio, si sono riuniti a Roma, martedì, 19 Gennaio 2015, ed hanno eletto all’unanimità oltre al neo Presidente Luciano Squillaci, anche il nuovo consiglio direttivo, composto da: Angelo Benvegnù – CeIS di Mestre, Roberto Berselli – Consorzio Gruppo CeIS Bologna-Modena-Parma, Marco Cafiero – CeIS di Genova, Donatella Peroni – Associazione “La Ricerca” di Piacenza. Questa la nuova squadra di Squillaci

StampaEmail

"Luciano Squillaci: Domande e proposte alla società civile, alla politica e alla Chiesa"

Intervento al Seminario: ""Profezie e sfide per i cristiani nella lotta alle dipendenze patologiche", Roma - 8/04/2016 - Caritas Italiana in collaborazione con il Tavolo ecclesiale dipendenze

Leggi in progettouomo

StampaEmail

“La nostra Federazione, i nostri Centri sono la storia di un “molo” che diventa un “porto” in cui anime ferite approdano, per poter trovare rifugio, ritrovare forza, rifocillarsi, accarezzando ed afferrando la speranza, per poi ripartire. Luoghi del cuore. Porti che fanno sentire a tutti il bisogno di terraferma, ma che rendono irresistibile il richiamo del mare. E prendere il largo, sempre. Per essere non solo accanto ai poveri, ma dalla parte degli ultimi, sempre! Perché l’amore non è mai neutrale,è esigente ed implacabile. Dà la vita per la verità, e la verità è l’Uomo.”

"Partiamo dal presupposto che nessuno è irrecuperabile e che ogni uomo è sempre portatore di enormi potenzialità. Occorre partire da questo per predisporre qualsiasi piano di contrasto alle dipendenze che possa avere un’efficacia reale e misurabile."

"La scelta di una presa in carico totale della persona e non solo del suo problema, di una condivisione non asettica delle sue sofferenze ma anche di una valorizzazione reale dei suoi talenti, possibile solo con un percorso comune, fedeli alla scelta di specchiarsi nell'altro, come recita la nostra filosofia, anche quando lo specchio è incrinato o deformante."